venerdì, febbraio 10, 2006

Contro il Concordato


A Roma è ancora in corso un convegno per l'abolizione del Concordato con la Chiesa cattolica. Si svolge al piccolo Teatro Traiano, che si trova esattamente dietro la casa di Berlusconi. Ho voluto recarmici anche io in segno di condivisione dell'obiettivo, pur essendo iscritto e militante in Forza Italia. Ho fatto alcune foto che purtroppo non possono essere inserite in questo post. Mi correggo: è possibile. Poi sono ritornato a casa. In questo momento sta ancora parlando Boselli (che ho fotografato e si è lasciato fotografare) e lo sto ascoltando attraverso Radio Radicale. Tratta l'argomento del finanziamento pubblico alla scuola privata: la sua tesi (condivisibile) è che i finanziamenti pubblici debbano andare solamente alla scuola pubblica. La Chiesa cattolica in effetti gode di numerosi e ignoti privilegi fiscali. Non solo l'8 per mille, ma una pletora di agevolazioni ogni genere a livello comunalie, provinciale, regionale oltre che statale. Sono state dette molte cose interessanti che meriterebbere distinte riflessioni. Alcune anche noiose e non condivisibili. Il titolo esatto del convegno è il seguente: "Libere chiese in libero Stato. La Rosa nel Pugno per il superamento del Concordato". Interessante ad esempio quanto ho potuto sentire da Luciano Pellicani (nella foto a destra) sulla libertà religiosa negli USA e sulla naturale separazione fra Stato e Chiesa. Negli USA esistono oltre trenta confessioni religiose. La laicità della Stato è in questo caso una necessità, non un principio. Sta ora parlando Pannella sui problemi elettorali. Ricorda le vicende referendarie e lamenta in fatto che Rutelli abbia deciso di candidare nella sua lista una signora rappresenta il "Movimento per la vita", che aveva assunto la nota posizione astensionista chiesa dalla Chiesa. Parla anche di problemi di informazione e comunicazione. Ed è esattamente questo anche il nostro tema.

Nessun commento: