giovedì, luglio 05, 2007

Salviamo i cristiani da Magdi Allam!

Versione 1.9

Chi si fa paladino di una causa, non importa quale sia, dovrebbe goder di credibilità, altrimenti finisce per danneggiare la causa stessa. È il caso di Magdi Allam. Per un momento avevo pensato di fare ieri sera una passeggiata fino a piazza Santi Apostoli, dove Magdi Allam usando i potenti mezzi propagandistici del “Corriere della Sera”, di cui è vicedirettore, ha radunato gente importante, cioè politici di grosso calibro, fra cui il presidente Berlusconi. Non ci sono andato perché la mia sola presenza avrebbe potuto significare adesione e non semplice curiosità, come invece sarebbe stato. Ad inscenare una manifestazione di protesta e dissenso, manco a pensarci. Ognuno, del resto, ha diritto ad organizzare le sue manifestazioni. Altri possono avere il diritto di criticarle, ma non di impedirle o reprimerle. Se siamo in un regime di libertà, dobbiamo credere alla libertà e praticarla concretamente. Non è stato il caso di Teramo, dove un signore di ottant’anni (Robert Faurisson) è stato trattato peggio di Toto Riina o Bernardo Provenzano, che nessuno peraltro si sarebbe mai sognato di molestare.

Ho però potuto vedere alcuni striscioni negli ampi servizi che la televisione ha dedicato alla manifestazione. Erano presenti le comunità ebraiche nella persona del rabbino di Roma Di Segni. Non più di poche centinaia di persone, al massimo un migliaio, troppo poche per le aspettative e considerata la presenza dei big, forse più preoccupati di racimolare quei pochi voti che possono fare la differenza che non di dare conto della loro adesione all’iniziativa di un dubbio personaggio come Magdi Allam. Ho visto uno striscione dove era scritto “radici cristiane”. Mi sono chiesto: dove sono queste radici? Pure in Iraq, India, Cina, Filippine, ecc.? O si deve intendere che i nostri missionari, cacciatisi nei guai, intendono piantar radici in questi paesi, dove la presenza cristiana è nulla o marginale? Storicamente, le “missioni” hanno marciato di pari passo con la colonizzazione. Credo che sia ancor oggi così e che la carità sia perciò in primo luogo una carità pelosa e sospetta. Se poi a farsi paladini della causa cristiana sono personaggi come Magdi Allam il sospetto diventa certezza.

Esiste il modo di dire “mettersi nei panni degli altri” per comprenderne le ragioni. Se fossi un musulmano avrei tutti i motivi per dire ai nostri missionari: “no grazie!” Se fossi Gesù Cristo, direi ai miei uomini: “statevene a casa vostra, dove avete già abbastanza da fare, se proprio siete animati da sacro ardore. Qui, all’estero, posso cavarmela meglio da solo e senza di voi. Del resto, se davvero devo dipendere dalla vostra propaganda, allora sono proprio messo male”. In realtà, la manifestazione di Magdi Allam che segue altra analoga di Giuliano Ferrara è un contributo, una spinta nella preparazione alla guerra sempre più diffusa e capillare. L’obiettivo è quello di “democratizzare” quanti più paesi possibili, impiantando regimi alla Quisling, che contraccambiano il potere così ottenuto sui loro paesi con tutte le concessioni e le assicurazioni chieste dai loro liberatori e civilizzatori.

Io così la vedo e non sono disposto a dare un solo briciolo di credito a Magdi Allam ed alle centinaia di persone, autorevoli, da lui raccolte e che già ci hanno condotto in una guerra di cui siamo poco consapevoli proprio grazie a macchinazioni mediatiche come quelle con cui un Magdi Allam pretende di infinocchiarci. Iniziative strumentali ed interessate, nonché ipocrite, come quelle di Magdi Allam non possono far altro che peggiorare oggettivamente la condizione dei cristiani in territori a maggioranza musulmana. Pertanto, per chi ha veramente a cuore la sorte dei cristiani in quei territori, non già in quanto cristiani, ma in quanto esseri umani in pericolo per il loro credo religioso, condivisibile o meno, è il caso proprio di dire: salviamo i cristiani da Magdi Allam!

RASSEGNA STAMPA COMMENTATA

1. La scoperta della libertà religiosa. Per secoli e millenni i cattoloci, o meglio le gerarchie pontificie, hanno negato la libertà religiosa nei territori soggetti al loro controllo e dominio. Adesso la riscoprono a proprio vantaggio all’interno dei propri paesi con privilegi infiniti e la pretendono nei paesi a religione non cattolica. L’argomento della reciprocità non vale. Se nei nostri paesi riconosciamo ad ogni cittadino libertà di coscienza, di religione o di non religione, ciò avviene storicamente per salvare i cittadini stessi dai roghi cattolici, non dai musulmani. Storicamente è stato questo lo sviluppo del diritto di libertà religiosa. Ed in effetti la Chiesa cattolica è stata sempre fieramente contraria fino a quando non è stato giocoforza fingere che la “libertà” sia sempre stato intrinseca alla natura del cattolicesimo. Quindi, se in Italia concediamo ad un musulmano il diritto di professare la sua religione, si tratta di faccenda interna. Non richiede come suo necessario corrispettivo che in Iran debba essere riconosciuto un eguale diritto ai cattolici o cristiani. Se questi sono poi sospettati di essere agenti al servizio di potenze straniere ostili, non mi stupirei se non vengono accolti a braccia aperte. Fossi io il loro superiore, li richiamerei alla base. Avrei per loro la stessa considerazione che ho per mastrogiacomo o per la Sgrena che con la loro irresponsabilità ci hanno messo tutti nei guai e sono anche costati non poco all’erario. Si può essere tutti uniti per giuste cause, ma non si può essere spinti a spallate di qua o di là, per poi rimetterci più di tutti. A cercare e liberare padre Bossi io ci manderei le Guardie Svizzere, o la redazione di Famiglia Cristiana, che ha poca fede nella Provvidenza e preferisce gli Uffici di un governo e di un’Opposizione in costante competizione per accaparrarsi i voti cattolici. ma per quel che mi riguarda io non capisco e non so cosa stesse a fare nelle Filippine, a meno che non vada a preparare la prossima “missione italiana di pace”. La solidarietà non è qualcosa a cui si è tenuti senza ragione e senza convinzione. Con questo sistema si può venir trascinati nelle peggiori imprese. Le guerre sono state spesso scatenate con questi sistemi, spesso ad arte.

2. La carità pelosa non passa inosservata all’Ansa che nota come: a) La manifestazione "Salviamo i cristiani", promossa da Magdi Allam col suo appello pubblicato sul Corriere della sera il 15 giugno, ha raccolto in Piazza Santi Apostoli anche rappresentanti di altre religioni - ebrei e musulmani - ma soprattutto un pubblico orgoglioso nel rivendicare l'identità cristiana come valore da proteggere e tutelare. b) lo stesso Magdi Allam nel suo intervento dal palco, parlando ai presenti "uniti dall'imperativo di difendere la libertà religiosa di tutti, in tutti i paesi del mondo" e in particolare invitando a"elevare la nostra voce per denunciare la la discriminazione, la persecuzione e l'esodo forzato dei cristiani nei paesi del Medio Oriente". E così via, potendo riassumere con mio ulteriore commento: vomitevole. Con Magdi Allam a pescar voti in tutti i possibili anfratti c’erano i meglio: «in prima fila, per il centrodestra, Silvio Berlusconi, Gianfranco Fini, Rocco Buttiglione, Daniela Santanché, Sandro Bondi, Fabrizio Cicchitto, il governatore della Lombardia Roberto Formigoni con il gonfalone della Regione, Luca Volonté, Roberto Castelli, Marcello Pera, Paolo Bonaiuti, Antonio Tajani, Valentina Aprea, Enrico La Loggia, Elisabetta Gardini, Sandro Giovanardi, Maurizio Lupi tra gli altri; per il centrosinistra i presidenti di commissione Umberto Ranieri ed Ermete Realacci, Pierluigi Castagnetti, Khaled Fouad Allam, Enzo Carra, Mauro Fabris, Roberto Villetti, Luigi Bobba. C'é anche Savino Pezzotta, c'é il rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni». C’era pure il teorico della cinquina: Riccardo Pacifici, che ha di recente inneggiato ai ragazzi romani che in nome di una superiore carità cristiana, cioà ebraica, si sono scagliati contro un vecchio di anni 93 e di nome Priebke. Questi i nostri “missionari” riuniti in piazza Santi Apostoli!

3. Bravo, Cardini. Ha capito l’imbroglio di Magdi Allam!. Mi conforta trovare una consonanza di analisi con Franco Cardini. Ne apprendo dal sito sionista “Informazione Corretta” che da settimane è ormai in fibrillazione per quanto avviene in Medio Oriente. A me sembra ormai ogni giorno più chiara la strategia del sionismo italiano: spingerci sempre più in guerra contro tutto il mondo arabo. Non volerne sapere significa per loro essere antisemiti, dopo che l’antisemitismo, grazie all’Olocausto, è stato trasformato nel Male Assoluto, nel Male Cosmico, di cui è possibile incolpare il mondo intero in generale e qualsiasi scomodo oppositore in particolare: l’Olocausto come l’ideologia del Novecento, il cui il Nuovo Tempio è stato edificato nella Gerusalemme disegnata dal sionismo. La società italiana ed europea è così da loro posta sotto assedio con l’imposizione di una ideologia volta a concepire tutta la storia del Novecento nell’interesse sionista. Con le varie giornate della memoria, con gli innumerevoli musei dell’Olocausto e con un fiume di danaro pubblico volto al lavaggio del cervello degli italiani oltre che ad intimidirli, si tende in modo sempre più manifesto a spingerci ad una terza guerra mondiale, del resto già in atto, dove gli unici a trarne vantaggio saranno solo Israele e gli Usa. Cardini ha notato come i magdalliani abbiano totalmente scavalcato le comunità cristiane orientali che grazie alla loro scellerata iniziativa, tutta volta a vantaggio di Israele, non a caso presente a piazza sant’Apostoli, si troveranno in nuovi gravi pericoli, dai quali non potranno salvarli i lazzi di Magdi Allam. Magnifico è stato Cardini, ricordando che i cristiani vivevano tranquilli ed indisturbati con Saddam. Solo adesso, dopo la “liberazione” dell’Iraq, incominciano invece ad avere problemi. Dunque, non era una battuta la mia, scrivendo che i cristiani del medio Oriente devono essere salvati innanzitutto da Magdi Allam e dalle sue strumentalizzazioni antislamiche e filoisraeliane.

4. Gli ammanicamenti partitici. Mi dispiace e mi duole che il partito per il quale voto e di cui ho la tessera abbia dato sostegno e copertura politica a Magdi Allam. Me ne dissocio pubblicamente ed apertamente. Poiché siamo in democrazia nessuno può costringermi a sottoscrivere la circolare dell’on. Palmieri, ninistro della propaganda di FI. Avendo scelto la via della non violenza, iscrivendo ad un partito certamente graniticamente di potere ed istituzionale come Forza Italia e non alle Brigate Rosse, mi auguro che il mio punto di vista possa creare dibattito ed una diversa opinione all’interno del partito da me preso come punto di riferimento per il mio impegno civile. Che poi io all’interno di questo partito sia marginale, ma bisognerebbe prima verificarlo, è cosa che non ha nessuna importanza. Non ho mai cercato ed ottenuto nessun vantaggio personale e per questo posso permettermi il lusso della più assoluta libertà di pensiero. Se vi sarà una nuova Tangentopoli ed una nuova ondata di Mani Pulite, io potrò stare del tutto tranquillo. Ho voluto premettere ciò perchè quasi sempre le persone che mi attestano la loro stima, mi chiedono anche come io possa stare in un partito simile idealmente, ma solo idealmente accanto, a tanti personaggi che caratterizzano maggiormente il partito. Ciò premesso, passo a qualche parola di commento ai testi magdalliani che si possono leggere linkando sopra al n. 5. Il testo è tanto idiota quanto irritante. Mi sono tenuto debitamente alla larga da piazza Santi Apostoli, proprio per non dare la mia adesione, anche se Berlusconi – presidente del mio partito – stava in prima fila. La cosa non mi mettet in crisi perché che deve raccogliere voti senza andare troppo per il sottile. Ma la mia posizione è diversa dalla sua e sono del tutto indipendente, pensando con la mia testa, non con quella di Berlusconi e dei suoi accoliti. Il testo non vale un commento analitico essendo puramente propagandistico. La lista dei firmatari corrisponde nell’ordine alla disistima che già me ne sono formato, studiandone i trascorsi politici.

5 commenti:

Abdel Nur ha detto...

Confesso che non avrei mai creduto di potermi augurare delle posizioni tanto lucidamente argomentate e condivisibili, nonostante la diversa "area politica" di riferimento.
Avevo intenzione di scrivere in questi giorni a proposito della manifestazione che commenti. Mi limiterò invece a poche osservazioni, rimandando, tra le altre, soprattutto alle tue riflessioni in merito, cui plaudo con gratitudine.
Pace su di te.

Massimiliano ha detto...

Peccato che non abbia fatto una manifestazione a favore dei cristiani che vivono in Israele.

Anonimo ha detto...

Mi stupisce che una persona della sua intelligenza e cultura possa ancora far parte di FI, non stà a mè sindacare le scelte politiche ma credo che Le sue critiche non possano che dimostrare la sua distanza dall'ideologia (se ne ha una) di quel pseudo partito.
Saluti

Antonio Caracciolo ha detto...

Non esiste un partito migliore di un altro. Ho spiegato mille volte le ragioni per la quali ho deciso di iscrivermi in un partito, non essendo prima iscritto in alcun partito. O la via della violenza armata o la via del dibattito all’interno di un partito, non importa quale. All’interno del partito che si sceglie si propongono le proprie idee. Possono essere anche minoritarie, ma importa proporle e dibatterle. Il mio anonimo commentatore mi dica lui qual è il partito migliore secondo il suo modo di vedere. Per me nessuno è migliore dell’altro, ma tutti peggiori uno dell’altro. Ciononstante è meglio tentate l’impegno civile in modo non violento attraverso l’unico canale che la costituzione consente al suo art. 49 che non abbracciare la via della contestazione violenta quale è stata negli anni di piombo, terminati con l’assassinio di Aldo Moro, mio professore, la cui morte resta per me un ricordo traumatico. Di sicuro io non conterei nulla in nessuno dei partiti esistenti: né con Diliberto né con Prodi né con Mastella né con D’Alema... Ed ognuno mi potrebbe nuovamente dire: ma come fai a stare lì e non qui. Francamente ciò mi sembra sciocco. Quindi non si tratta di Forza Italia o di Rifondazione Comunista: siamo sempre lì. Nel regno della partitocrazia, nel dominio opprimente della Casta. Dobbiamo saper trovare un nuovo modo di far politica e non ne usciamo più dal degrado e dalla decadenza civile e politica.

Miguel Martinez ha detto...

Mi sembra che tu sia una delle prime persone ad avere scoperto l'uovo di Colombo: cioè l'assurdità della teoria della "reciprocità".

Che poi ha anche un altro baco logico.

Vediamo... l'Egitto permette la costruzione di chiese cristiane, l'Arabia Saudita no.

Quindi, permettiamo agli egiziani di pregare in Italia, ma mettiamo un poliziotto a fianco di ogni saudita che entra nel paese, per impedirgli di pregare.