giovedì, ottobre 19, 2006

Uranio in Lombardia? Pecoraro Scanio dice di no!

Ho appena ascoltato un'interrogazione parlamentare in merito a scavi in Lombardia per la ricerca di uranio. Non sapevo che questo raro e prezioso minerale si trovasse anche in Italia. Lo apprendo in questa circostanza. Non si è mai abbastanza ignoranti. Mi aiuti però a capire chi legge questo mio post ed è in grado di darmi dei lumi. Non mi piace prendere posizione prima di aver chiari tutti i termini di un problema.

Mi è nota la scelta antinuclearista fatta mediante referendum. Non mi ricordo all'epoca come io abbia votato al riguardo. E' possibile che allora io fossi contrario alle centrali nucleari. Oggi però potrei essere di diverso avviso se i tecnici competenti possono assicurarmi che con le nuove tecnologie non vi sarebbero più rischi. Se poi così non fosse, mi chiedo e chiedo come potremmo noi vincolare alle nostre scelte di allora un paese confinante. La radioattività non rispetta i confini degli Stati e le decisioni dei politici locali. Il problema non è stato risolto allora e meno che mai adesso. Semplicemente si è fatta la politica dello struzzo che nasconde la testa per non vedere i pericoli.

Ma poter disporre di ricchezze minerarie (non è una ricchezza l'uranio?) non è la stessa cosa che aver già le centrali atomiche. Mi pare di aver capito da domanda dell'interrogante e risposta del ministro Pecoraro Scanio che invece venga stabilita un'immediata equivalenza tra le due cose e che quindi venga posto il noto divieto al nucleare anche per lo sfruttamento del giacimento di uranio sopra detto. E che dire se si scoprisse che in Italia esistono abbondanti giacimenti di petrolio? Anche qui un divieto per impatto ambientale? Mi sembra assurdo e allucinante e sono grato a chi può offrirmi lumi in seguito ai quali come cittadino possa dichiararmi favorevole o contrario all'escavazione in Italia per estrazione di uranio o di altro minerale utile.

3 commenti:

Lucky ha detto...

Riguardo all'escavazione posso dire ben poco. Vorrei dire che per parole di Scanio c'è da scoprire forse una qualche segreta chiave di lettura. Un verde che vuole promuovere, incentivare il sud attraverso l'industria (campagna elettorale per le scorse politiche) ora dovrebbe essere favorevole anche all'estrazione dell'uranio... O se non altro dovrebbe tacere a riguardo.
Mi scuso se ho divagato sul tema ma mi sembrava utile ricordare queste vicende.

Fort ha detto...

Non credo ci sia alcun lume da offrire.
E' giusto quel che dice Lei: "mi sembra assurdo ed allucinante"
Io, tra l'altro, trovo assurdo anche il fatto che un lobbysta come il signore in oggetto, si trovi in Parlamento.
Un saluto

Pippo ha detto...

L'uranio potrebbe trovarsi nella zona di Lurisia (Mondovi) CU dove esistono sorgenti di acqua radioattiva e sono state fatte ricerche e misure geofisiche nell'immediato dopoguerra.