giovedì, giugno 21, 2007

La rivolta bipartisan dei filistei

Versione 1.2

La notizia non merita certamente ampio commento, se non per la domanda che pone. Perché tanto scandalo e raccapriccio? Le reazioni uniformi e bipartisan che ne sono seguite dimostrano che la Casta è culturalmente omogenea. Il caro Silvio si sta dando tanto da fare per delegittimare Prodi e tornare alle elezioni, ma poco si cura del fatto che ormai agli occhi dei più ad esser delegittimata è l’intera classe politica: che in sella stia l’uno o l’altro fa poca differenza per la maggior parte dei cittadini, che vivono nello sconforto e nella rassegnazione. Vi era un’epoca in cui i simboli fallici avevano contenuto religioso e così tutto ciò che era collegato all’idea di fertilità e fecondità. In realtà, la religiosità ed il culto cristiano si è caratterizzato e sviluppato come antinomico all’idea di sessualità in quanto aspetto e forma dell’esistenza. Il sesso è in sé peccato ed è tollerato solo in quanto passaggio necessario per la procreazione. Nonostante l’abominio del sesso la coppia cristiana deve tuttavia procreare con i metodi tradizionali, essendole proibita ogni forma di fecondazione assistita che la scienza oggi consente. La Madonna poi è la più perfetta antitesi della sessualità. La sua maternità è avvenuta senza sesso, cioè secondo la raffigurazione religiosa e simbolica che se ne è tramandata da Agostino in poi. L’immagine quindi di una Madonna che anziché sangue piange “sperma” era certamente quanto di più provocante e provocatorio potesse esserci per chi di una simile concezione religiosa sessuofoba si è nutrito ed in essa fa consistere il suo sentimento religioso. L’immagine della “Madonna che piange sperma” è la negazione più assoluta e radicale della tradizione clerico-cattolica da Agostino in poi. Ma sono certo che Gesù Cristo non si offenderebbe e potrebbe chiedere ai pastori cosa ne hanno fatto del suo gregge, trasformato in un popolo di bigotti ed ipocriti. Chi ha avuto tanta immaginazione per provocare un simile putiferio meriterebbe per ciò stesso un premio. Non si può non pensare ad una ritorsione polemica contro l’immagine della Madonna, a cui si era fatto piangere del sangue. Già gli amministratori locali fiutavano l’affare con frotte di pellegrini in cerca del miracolo: alberghi, ristoranti, esercizi commerciali, tributi. Ma con lo sperma non si può, anche se l’evento resta egualmente assurdo, ma buono per quei “cretini” presi giustamente in giro da Piergiorgo Odifreddi. Che la mostra sulla “Madonna che anzichè sangue, piange sperma” si faccia o no, è ormai indifferente. La provocazione ha già raggiunto il suo scopo. Chi è in grado di riflettere e pensare, ha trovato un’utile occasione per farlo. Ai filistei e bacchettoni si può lasciare il loro “scandalo” quotidiano in cui crogiolarsi.

Appendice Esilarante

Da Totustuus:

1) IN PRIMO PIANO
http://www.totustuus.net/modules.php?name=Content&pa=showpage&pid=37

Card. Caffarra: un insulto grave e pubblico alla Madre Celeste

Siamo venuti questa sera al santuario mariano – al nostro santuario – non principalmente per commuoverci di fronte alla bellezza della nostra Madre celeste, ma piuttosto portando nel cuore il peso di un insulto grave e pubblico fattole in questa città. Siamo venuti per chiedere perdono e per riparare una bestemmia che ha rivestito la particolare gravità dell’avvallo oggettivo […] anche di istituzioni pubbliche.


Nessun commento: