sabato, febbraio 24, 2007

Berlusconi in diretta

Sta parlando in diretta Berlusconi. Da Milano ad un qualcosa organizzato da Stefania Craxi. Ma Craxi era o non era colpevole di ciò di cui venne accusato? Si? E allora voltiamo pagina! Mentre riposavo ho sentito Cicchitto, Bondi, Formigoni e altri. Abbastanza approfondito il discorso di Cicchitto, che ha definito Forza Italia il vero partito di centro, dove vi si trovano tante componenti. Vi ci mette dentro “cattolici” e “laici”, termini che per la verità io vado scoprendo come sempre contraddittori. Ma sentiamo Berlusconi. Conferma in pieno il suo carisma, che direi viene soprattutto dalla sua ricchezza, che lo rende diverso e indipendente dal restante ceto politico. La riforma Moratti: bloccata per via amministrativa dalla sinistra. Della sua bontà non saprei, ma non sottoscrivo la bontà della riforma Moratti per l’università. E infatti sta parlando di scuola e non di università, che salta del tutto, fortunatamente. Non è qui possibile fare un'analisi dei meriti e dei demeriti del governo Berlusconi. Io l’ho votato, ma ho votato per Berlusconi, non il suo entourage. Non mi è ora possibile fare un'analisi di tutti i temi toccati. Non ne avrei neppure la competenza. Sono soltanto pochi gli argomenti con cui sento di potermi pronunciare con sufficiente sicurezza. Interessanti le notizie sui rinnovi congressuali e sul radicamento territoriale. Da anni che insisto su questo tema. Staremo a vedere. Fino ad oggi gli unici discorsi che ho sentito sono quelli cerimoniali o amministrati con regia. Di dibattiti veri non ne ho mai visti. Eccoli i sondaggi: dal 14 per cento il dato più ottimistico all'otto per cento in più! E dunquem caro Silvio, metti fuori gli Udc! Attualmente con loro dentro ad una stessa coalizione soffre la componente laica e liberale. Il conflitto è inevitabile! Se glieli regali alla sinistra, ne avrai aumentata la decomposizione interna. Ahi! Rivelazione sulle elezioni! Il mistero: la Campania e la mia Calabria. Pisano gli aveva comunicato un vantaggio che poi non vi fu più... Prevedo domani nuove polemiche! Ma Berlusconi non è uomo che teme le polemiche. Per me si tratta di una complicata matematica... mi regolo con un giudizio politico d’insieme. Parla di “cattolici liberali”. E chi sarebbero? De Lillo è un cattolico liberale? Stiamo freschi!

Nessun commento: