mercoledì, aprile 12, 2006

Un segno divino: schede elettorali fra i rifiuti

Per la religiosità neopagana era motivo di riflessione ogni evento del giorno, specialmente se è insolito. Oggi questo si chiama superstizione. Da quando ho deciso di scendere in campo, di immischiarmi con la politica, mi interrogo quotidanamente sulle ragioni dello stare insieme ubbidendo a comuni leggi e cercando di rispettarle non solo nella lettera, ma anche nello spirito, non gà per il timore delle sanzioni che ogni legge contiene, ma perchè solo rispettando le leggi che ci siamo date possiamo vivere in pace e lasciarci alle spalle la guerra di tutti contro tutti così ben descritta da Hobbes. La partecipazione politica al cui esito troviamo la produzione delle leggi dovrebbe perciò essere al centro della sensibilità e della consapevolezza di ogni cittadino. La scheda elettorale è il simbolo che racchiude tutto ciò. Leggere oggi questa strana notizia (cliccate sul titolo del post per vedere l'articolo che qui commento) mi fa riflettere sul valore effettivo della nostra democrazia. E un segno che gli Dèi hanno voluto mandarci prima della rovina?

Nessun commento: