domenica, luglio 16, 2006

Sull'art. 11 della costituzione

------------------
Art. 11 della costituzione italiana nel testo vigente:

«L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo».
-------------------------

Sto ascoltando una trasmissione di Radio radicale dove parecchi interventi vertono sull'art. 11 della costituzione. E' stato letto pure un messaggio del filosofo americano Chomsky. E' intervenuto anche Cesare Salvi, adesso sta parlando Dario Fo'... (che sente il vomito...).

Non ho mai dato particolare valore all'art. 11 perché considero un non-senso ogni accenno all'autolimitazione della sovranità. Considero quell'articolo scritto in condizioni di grande avvilimento del popolo italiano, da un gruppo di parlamentari privi di legittimazione e di scienza. La pace è per me più solidamente fondata sulla prima legge di natura formulata da Thomas Hobbes: la pace è assolutamente necessaria per garantire la vita propria e altrui, va ricercata con ogni mezzo e non bisogna mai stancarsi di ricercarla. Solo se la pace è IMPOSSIBILE diventa lecito e necessario il contrario: la GUERRA. Ma sempre per salvare la vita da chi vuole fisicamente annientarci, non come atto aggressivo. Questa chiarezza di pensiero manca ad una classe politica imbecille che non sa neppure scrivere un testo costituzionale nel quale un popolo possa razionalmente riconoscersi.

1 commento:

Anonimo ha detto...

non ci perderei tanto tempo.

una normativa di legge è efficace solo se ha contenuti precisi e può essere applicata.

L'art. 11 non solo lascia lo spazio all'interpretazione ma, qualora sia dia peso all'interpretazione più pacifista", non può essere applicata in quanto fa riferimento all'utopia non alla realtà.

Aggiungo una cosina.
E ora di finirla con tutta questa mistica della Costituzione.

Questa che abbiamo ha fatto il suo dovere ma adesso va cambiata perchè è stata superata e ci fa solo perdere tempo.

Esistono Costituzioni che sono fatte per durare (vedi quella degli Stati Uniti) altre che esauriscono il loro compito nell'arco di alcune generazioni (vedi quella italiana).